SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA POMPE DI CALORE
24/01/2017
SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA POMPE DI CALORE


Dal 1 luglio 2014 l'Autorità per l'energia, in attuazione di quanto previsto dalla deliberazione 205/2014/R/eel dell’8 maggio 2014, consente di sperimentare una nuova tariffa (chiamata D1), su base volontaria, ai soli clienti domestici con tariffa residente che riscaldano la propria casa utilizzando esclusivamente pompe di calore elettriche. La nuova tariffa, relativa ai servizi di rete e agli oneri generali di sistema, sarà costante a prescindere dai consumi e, in ogni momento, sarà possibile rinunciare alla sperimentazione senza però potervi nuovamente aderire con riferimento alla medesima fornitura.
Requisito necessario per l’accesso alla sperimentazione tariffaria è quello di avere un unico sistema di riscaldamento a pompe di calore elettriche, entrato in funzione non prima del 1 gennaio 2008; inoltre il richiedente deve essere titolare di un contratto di fornitura di energia elettrica ad uso domestico con tariffa residente, dotato di misuratore elettronico telegestito installato ed in servizio ed aver fornito il proprio consenso all’effettuazione di verifiche e controlli anche presso la propria abitazione.
 
Documenti necessari per poter presentare la richiesta
Per aderire oltre al documento d'identità del richiedente (necessario perché la richiesta di adesione costituisce dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà), sono necessari:
  • copia delle sezioni 1 e 4.4 del libretto d'impianto redatto secondo il nuovo modello emanato dal decreto 10 febbraio 2014; su richiesta del cliente, la compilazione di tali sezioni del nuovo libretto può essere effettuata da installatori e manutentori autorizzati, anche qualora tale modello non sia ancora stato ufficialmente adottato nella regione di residenza;
  • copia di un documento attestante che la pompa di calore possiede i requisiti prestazionali minimi già richiesti per accedere alle detrazioni fiscali del 55%/65% o, in alternativa, rispetta i criteri di ammissibilità richiesti per accedere al Conto Termico (a tale scopo, come meglio chiarito nel modulo per la richiesta di adesione, può essere utilizzato il medesimo documento eventualmente già predisposto o in ogni caso necessario per accedere a uno dei due sistemi di incentivazione appena menzionati);
  • eventuale asseverazione redatta da tecnico qualificato qualora in casa sia presente, oltre alla pompa di calore, anche un generatore alternativo; in tal caso, all'asseverazione deve essere allegata anche l'Attestato di Prestazione Energetica dell'abitazione.